stipsi

La stipsi, comunemente detta stitichezza, è un disturbo caratterizzato dalla presenza di sintomi legati ad alterazioni dell’alvo (intestino). È abbastanza frequente nella popolazione e colpisce soprattutto le donne con un età superiore ai 60 anni. Essa può manifestarsi con la presenza di uno più sintomi quali:

  • diminuzione del numero di evacuazioni a settimana
  • sforzo durante l’evacuazione
  • feci dure
  • sensazione di evacuazione incompleta o di ostruzione.

Stipsi acuta:

CAUSE —> Può manifestarsi improvvisamente in soggetti normalmente regolari, in seguito ad eventi come un viaggio, il cambiamento di abitudini alimentari, l’inattività fisica, l’aumento di peso, l’insorgenza di una gravidanza, l’uso di alcuni farmaci o in seguito ad ospedalizzazione. 

DIETOTERAPIA —> In questo caso la prima cosa da fare è modificare le abitudini alimentari andando ad aumentare l’apporto di fibre nella dieta (l’assunzione giornaliera raccomandata è di almeno 20-25 g) e l’assunzione di acqua (1,5 – 2 L al giorno), contemporaneamente sarebbe opportuno aumentare il movimento fisico anche solo attraverso una camminata. La presenza di fibre richiama acqua nell’intestino (mediante il fenomeno dell’osmosi) che aumenta la massa fecale e ammorbidisce le feci favorendo l’evacuazione. L’assunzione di alimenti ad elevato contenuto di fibre deve avvenire gradualmente per evitare gonfiore addominale e costipazione.

  • La fibra è contenuta nella frutta, nella verdura, nei cereali integrali e nei legumi.

CONSIGLI —> È consigliato provare ad evacuare poco dopo i pasti anche in assenza di stimolo. Per favorire l’evacuazione utilizzare uno sgabello da posizionare sotto i piedi, in questo modo la porzione finale dell’intestino (il retto) sarà in una posizione verticale e l’evacuazione sarà favorita. Può essere utile compilare un diario in cui si riporta il numero delle evacuazioni al giorno/a settimana e la consistenza delle feci. Questo metodo può essere efficace sopratutto nei bambini e nei ragazzi.

Stipsi cronica:

CAUSE —> può essere reversibile e manifestarsi in seguito ad una dieta povera di fibre e uno scarso introito di liquidi, abitudine a reprimere lo stimolo, ansia, depressione o disturbi del comportamento alimentare, assunzione di alcuni farmaci, età (anziani). In alcuni casi si manifesta in seguito alla presenza di malattie degenerative, e in questo caso la stipsi è irreversibile.

DIETOTERAPIA —> Correzione delle abitudini dietetiche (aumento di fibre e acqua) e se necessario l’assunzione di integratori di fibra solubile (sotto prescrizione medica). 

NB. In caso di stipsi cronica è fondamentale il parare del medico.

Bibliografia

  • Fathallah N, et al. Les règles hygiéno-diététiques dans la constipation chronique de l’adulte : du fantasme à la réalité…Diet and lifestyle rules in chronic constipation in adults: From fantasy to reality… La Presse Médicale – Volume 46, Issue 1, January 2017, Pages 23-30
  • Badiali D. Manuale di gastroenterologia – Edizione 2016-2019 – Cap. 13, pag 75-80
  • Suares N C, et Ford A C, et al. Systematic review: the effects of fibre in the management of chronic idiopathic constipation. Alimentary Pharmacology and Terapeutics – Volume33, Issue8, April 2011, Pages 895-901